Dieta: ritrovare me stessa

Care ragazze, amiche e lettrici, oggi il mio post si intitola così. Mi piace questo titolo ed esprime esattamente il mio stato d’animo attuale. Non ricordavo quasi più cosa volesse dire guardarsi allo specchio e piacersi (non tantissimo ma abbastanza!), o indossare dei pantaloni che non ti entravano più, o salire sulla bilancia e sgranare gli occhi appena appare il risultato, e sinceramente non ricordavo neanche che cosa volesse dire incontrare persone per strada e sentirsi dire: “come sei dimagrita! Stai benissimo!”.

C’è poco da fare, queste sono piccole cose che riescono a farti tornare il buon umore e la fiducia in te stessa, quella che avevi perso per una miriade di motivi. Diventare mamma è stata per me l’esperienza più bella della vita, amo follemente mio figlio, e fino ad oggi non mi sono staccata da lui per più di 5 ore, che adesso mi sembrano effettivamente 5 ore, ma i primi tempi mi sembravano mesi, ma che dico, anni. Nonostante questo però e tutto l’ Amore (con la A maiuscola), essere una mamma è davvero stancante, soprattutto quando hai quei famosi kg di troppo e molti te lo fanno notare, o quando perdi la voglia di curarti, anche perché il tempo a disposizione da dedicare a te stessa è poco, davvero davvero poco. Se siete già mamma sicuramente capirete le mie parole e se ancora non lo siete non dovete spaventarvi, la nostra è una stanchezza sana, che a volte ti spezza fisicamente e mentalmente ma in contemporanea ti riempie il cuore con un amore impossibile da spiegare a parole.

Arriva poi un momento in cui è l’ora di dire basta, di fare un piccolo sforzo in più con l’aiuto anche delle persone vicine a noi, nonni, mariti, compagni, zii e di dedicarci del tempo, solo per noi. Io ho scelto di farlo con l’arrivo del nuovo anno. Così, ho iniziato dall’alimentazione, che era la mia fissa mentale in quel periodo, con i 20 (anche di più) kg presi durante la gravidanza, non mi piacevo per niente, zero, neanche un pochino, certo sorridevo ed ero tutto sommato di buon umore, ma non mi sentivo davvero tranquilla e felice e si sa, quando uno non si piace e non è felice questo stato d’animo ricade anche sulle persone che ci stanno intorno.

Il 18 Gennaio ho iniziato il mio percorso con la dietista Danesi Martina e se oggi sto ritrovando me stessa lo devo molto anche a lei. Per questo motivo ho scelto di dedicarle una categoria del mio blog “Marty, what’s my diet”. Internet è uno strumento importante oggi giorno e pensando ai pro e i contro mi sono resa conto che i pro vincono notevolmente, ma fra i contro c’è la grande distribuzione di false notizie, scritte così, tanto per…

Quindi vorrei proprio farvi capire che il lavoro che Martina ha fatto con me è un lavoro reale, fatto di sacrifici (ma neanche troppi) da parte mia, professionalità e competenza da parte sua. Credo fortemente che il compito di una dietista o dietologa o nutrizionista non sia solo quello di scrivere una dieta su 5 o 6 fogli (io ne ho solo uno!), ma devono aiutare il paziente a credere di potercela fare, a non mollare, a resistere a qualche tentazione e soprattutto ad auto gestirsi nel tempo.

Incredibile ma vero, io ho imparato a mangiare, so come abbinare gli alimenti, il sabato sera o la domenica con il pasto libero vado in brodo di giuggiole, ed ho iniziato a sentire anche la voglia di ricominciare a fare sport, in realtà dovrei correre o camminare, ma al momento proprio non mi va, e quindi sono ripartita con il tennis, uno sport che insieme a tanti tantissimi altri ho già praticato, e che per me è diventato un modo per staccare dal lavoro e dalla vita quotidiana, spesso porto anche mio figlio con me, insieme alla nonna (Santa donna!) e mi piace sentirgli dire “mamma palla”, o vederlo correre con la sua racchettina HEAD su e giù per il circolo.

Ho perso 8 kg fino ad oggi, non sento quasi mai la fame, e sono felice. Ancora il mio percorso non è finito, ma siamo ad un ottimo punto e questa collaborazione con la Marty mi sta dando una carica incredibile, per questo non finirà a breve. Abbiamo in mente per voi tante altre idee, per farvi vedere giorno dopo giorno che tutto questo è reale.

Ora vi devo proprio salutare perché l’uragano di mio figlio vuole andare fuori in giardino a giocare con la palla…e quando “G” chiama, mamma risponde.

Mi raccomando rimanete sintonizzate per tutte le news

S.

 

PS. Non abbiate paura a chiedere, se avete intenzione di provare a riprendervi dalla gravidanza, potete contattare la Marty su FACEBOOK 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *