24 ORE di tennis “Il tennis non trema”

La 24 ore di tennis è da sempre uno degli eventi sportivi che preferisco, per una marea di motivi, ma soprattutto perché nasce con uno scopo benefico.

Il tennis fa parte della mia vita quasi da sempre, ed il primo vero ricordo che ho di una racchetta e una pallina è quando mio fratello ed io giocavamo nel piazzale di casa, senza un campo di terra rossa, senza una rete, senza righe, senza stuoia. Ricordo che nonostante fossi davvero piccola (avrò avuto quattro anni) e mio fratello più grande e sicuramente più bravo di me, io mi divertivo tanto. Così a 9 anni ho iniziato il mio primo corso di tennis, al Tennis Torretta di Montecatini Terme, con il mio maestro, Dino Berti.

Dopo anni e anni di tennis nel piazzale di casa e di match davvero impegnativi con il muro sopra il mio garage contro me stessa(che poi non ho mai capito se vincevo o perdevo), ero convinta di essere già brava, ma sono scesa subito dal piedistallo quando Dino (che io pensavo si chiamasse Pino in realtà) mi ha tirato la prima palla sul diritto e con nonchalance la mancavo.

E’ stato in quel momento che ho capito qualcosa sul tennis: non è così facile. Tralasciamo però questi dettagli della mia infanzia tennistica ed arriviamo al dunque.

LA 24 ORE DI TENNIS

Dino Berti, è proprio lui l’organizzatore della quindicesima (e non solo) edizione della 24 ore. Quest’anno per la prima volta si terrà al Rio tennis & padel club a Serravalle Pistoiese grazie alla nuova gestione. 

Venerdì 28 alle ore 19 inizierà questa “gara” fra due squadre, capitanate dai due maestri del circolo. La squadra verde e la squadra azzurra si sfideranno in singoli e doppi, e sarà proprio il punteggio finale di ogni ora a decidere chi sarà la squadra vincitrice alla fine della 24 ore (sabato 29 ore 19)

Tutti possono e devono partecipare alla 24 ore, grandi e piccoli, over e under, principianti e agonisti, maschi e femmine, insomma tutti.

Io ovviamente ci sarò! Calcolando un po’ la mia vita da mamma/lavoratrice ho deciso di non togliere tempo a mio figlio e quindi sarò “in campo” nella fase notturna, anche perché mi sono arrivate voci di una spaghettata alle 02.00 di notte e a seguire nell’arco della notte/prima mattina/alba, paste calde e bomboloni...e non sono riuscita a rifiutare.

L’offerta minima per giocare è di 20 euro per gli adulti, e 10 per gli under 16. Ci tengo a precisare che il ricavato di queste offerte, grazie all’aiuto e contributo degli sponsor che copriranno le spese vive, verrà devoluto internamente all’associazione della quale vi parlerò in seguito. Prima mi sembra giusto ringraziare anche il comune di Serravalle, che con il patrocinio del sindaco Lunardi e l’assessore allo sport Bruschi, è stato possibile realizzare tutto questo.

“Il TENNIS NON TREMA”

Probabilmente vi sarete chiesti il motivo di questo slogan nel mio titolo. Sono pronta a darvi delle risposte.

Quest’anno partecipo davvero con il cuore a questa 24 ore, perché so che giocare a tennis e quindi fare una cosa che mi piace è divertente e bello, ma farlo per una giusta causa che mi ha colpita profondamente, lo è ancora di più.

24 ore di tempo per finanziare un progetto portato avanti dall’associazione “Io non crollo di Camerino” cittadina colpita profondamente dal terremoto nel 2016. Il progetto prevede la costruzione di un quartiere, dove potranno ritrovare una sede tutte le varie associazioni, culturali, ricreative, sportive, che dopo il terremoto si sono trovate impossibilitate ad operare essendo il centro storico di Camerino seriamente danneggiato e considerato zona rossa. E’ molto importante che le associazioni possano nuovamente svolgere la loro attività per la vita quotidiana di ogni persona.

Mi rendo conto che i miei 20 o più euro non possono cambiare le cose, ma è un piccolo passo, un piccolo sostegno che insieme a tanti altri può davvero dare una mano, più siamo e meglio è!

Lo sport nella mia vita ha sempre avuto un ruolo molto importante, il tennis è sicuramente insieme alla danza lo sport che ho amato e amo di più. Mi ha insegnato che non bastano la potenza e la velocità, ma bisogna usare la testa, e stare lì punto dopo punto, non mollare mai, un po’ come nella vita reale. Se poi andrà male, pazienza. L’importante è continuare a lottare e dare il massimo, divertirsi, e soprattutto usare anche il cuore, perché si sa, le cose che vengono dal cuore sono quelle più belle e ti ripagheranno sempre.

Per le iscrizioni contattate il tennis club Rio direttamente ai numeri 0573/919273 0 327-4432744 , Dino Berti 3282956044

Potete chiamare in qualsiasi momento e vi invito a farlo per tutti i motivi sopra elencati.

Io sicuramente ci sarò, perché sono convinta davvero che “Il tennis non trema”

S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *